Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Assemblea Parlamentare

 

Assemblea Parlamentare

Delegazione parlamentare italiana presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa 

L'ASSEMBLEA PARLAMENTARE


L'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa (APCE) è l'organo deliberativo e la forza trainante del Consiglio d'Europa.

Si compone di un certo numero di rappresentanti di ciascuno Stato membro ed il suo Presidente (attualmente il parlamentare spagnolo Pedro Agramunt) è eletto annualmente tra i suoi membri per un massimo di tre sessioni.
Mentre al Comitato dei Ministri ogni Stato membro dispone di un voto, in Assemblea Parlamentare è il peso demografico del Paese a determinare il numero dei rappresentanti e quindi voti attribuiti. Dato il numero pari di rappresentanti e supplenti, l'Assemblea conta un totale di 648 membri, più 18 osservatori. La delegazione italiana include 18 membri e un pari numero di supplenti. La composizione politica di ciascuna delegazione nazionale deve essere rappresentativa delle varie correnti politiche presenti all’interno del Parlamento nazionale. È inoltre richiesto che le delegazioni nazionali comprendano una percentuale di membri del sesso meno rappresentato almeno uguale a quella del proprio parlamento.

Per agevolare il processo di adesione dei Paesi dell'Europa centrale ed orientale, l'Assemblea ha definito nel 1989 lo status di invitato speciale, esteso a tutte le assemblee legislative nazionali degli Stati europei e non, che hanno ratificato o aderito all’Atto finale di Helsinki.
L'Assemblea Nazionale della Bielorussia ha ottenuto tale status il 16 settembre 1992, status sospeso il 13 gennaio 1997 su decisione dell'Ufficio di Presidenza.
All'interno dell'Assemblea e delle sue commissioni, gli invitati speciali godono di vari diritti, ad eccezione del diritto di voto attivo e passivo.
L'Assemblea può, su raccomandazione dell’Ufficio di Presidenza, concedere lo statuts di osservatore ai Parlamenti nazionali degli Stati non membri del Consiglio d'Europa che soddisfino i requisiti del paragrafo 1 della Risoluzione statutaria (93)26 del Comitato dei Ministri sullo status di osservatore.
L'Assemblea fissa il numero dei membri delle delegazioni dei Paesi osservatori. I Parlamenti interessati non sono tenuti a presentare le credenziali al Presidente dell'Assemblea, ma devono sforzarsi di nominare delegazioni che riflettano le varie correnti di opinione presenti al loro interno. I membri di queste delegazioni siedono in Assemblea senza diritto di voto ed hanno il diritto a prendere la parola solo su autorizzazione del Presidente dell'Assemblea. Essi possono partecipare alle riunioni delle Commissioni, come stabilito all'articolo 47.5.

L'Assemblea Parlamentare comprende una serie di strutture interne:

  • La formazione dei gruppi politici è stata incoraggiata allo scopo di far emergere una prospettiva europea e non nazionale. Attualmente, l'Assemblea conta cinque gruppi politici: il Gruppo socialista (SOC), il Partito Popolare europeo (PPE), l’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa (ALDE), il Gruppo della Sinistra Unitaria Europea (GUE) e il Partito dei Conservatori Europei (CE). Questi gruppi devono impegnarsi a perseguire i valori promossi dal Consiglio d'Europa, ed in particolare il pluralismo politico, i diritti umani e lo Stato di diritto. Il Presidente dell'Assemblea ed i Presidenti dei gruppi politici formano la Commissione dei Presidenti.

 

  • L'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea è composto dal Presidente e da venti Vice Presidenti, dai Presidenti dei gruppi politici o dai loro delegati ed i Presidenti delle Commissioni. In generale, i Paesi più grandi hanno un seggio permanente in seno all’Ufficio di Presidenza, mentre i Paesi più piccoli siedono a rotazione. L'Ufficio di Presidenza ha molteplici funzioni: la preparazione dell'ordine del giorno dell'Assemblea, il rinvio dei documenti alle commissioni, il coordinamento delle attività, i negoziati con le altre Organizzazioni Internazionali.

 

  • La Commissione permanente comprende l'Ufficio di Presidenza ed i Presidenti delle delegazioni nazionali. Si riunisce di norma almeno due volte l'anno e la sua missione principale è quella di agire in nome dell’Assemblea Parlamentare quando essa non è in seduta.

 

  • Il Comitato misto è il forum incaricato del coordinamento delle attività tra il Comitato dei Ministri e l'Assemblea e del mantenimento dei buoni rapporti tra i due organi. E’ composto da un rappresentante di ogni Governo membro e da un ugual numero di rappresentanti dell'Assemblea (i membri dell'Ufficio di Presidenza ed un rappresentante di ciascuna delegazione parlamentare degli Stati membri non rappresentati all’Ufficio di Presidenza).

 

  • La maggior parte delle relazioni esaminate in seduta plenaria o dalla Commissione Permanente sono preparate da una Commissione specializzata. Le nove Commissioni dell'Assemblea sono le seguenti:
    Commissione per gli Affari Politici e la Democrazia (87 seggi);
    Commissione per gli Affari Giuridici e i Diritti Umani (81 seggi);
    Commissione Affari Sociali, Salute e Sviluppo Sostenibile (81 seggi);
    Commissione Migrazioni, Rifugiati e Sfollati (81 seggi);
    Commissione Cultura, Scienza, Istruzione e Media (81 seggi);
    Commissione per le Pari Opportunità e la Non Discriminazione (81 seggi);
    Commissione sul Rispetto degli Obblighi e Impegni degli Stati membri (Commissione di Monitoraggio - 93 seggi);
    Commissione per il Regolamento, le Immunità e gli Affari Istituzionali (38 seggi);
    Commissione sull'elezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo.

 

  • Tutte le commissioni (ad eccezione della Commissione per il Rispetto degli Obblighi e degli Impegni da parte degli Stati membri) hanno un numero uguale di supplenti della stessa nazionalità, i quali godono degli stessi diritti dei titolari ma non possono assumere la Presidenza della commissione. Le candidature a membro di una Commissione sono proposte dalle delegazioni nazionali e ratificate dall’Assemblea Parlamentare. Inoltre, la maggior parte delle Commissioni ha sottocommissioni su argomenti specifici e può istituire Commissioni ad hoc per specifiche attività.
    Anche se le Commissioni si occupano principalmente dei rapporti, hanno piena libertà di esaminare qualsiasi questione di loro competenza: in merito a tematiche specifiche, le commissioni organizzano seminari, colloqui e conferenze, i cui risultati vengono poi utilizzati per preparare i rapporti presentati all'Assemblea. Le Commissioni si riuniscono sia a Strasburgo che a Parigi, talvolta a Bruxelles - quando si prevede una riunione congiunta con un organo del Parlamento europeo - o a Budapest presso il Centro Europeo della Gioventù.

Le sessioni dell'Assemblea Parlamentare sono divise in quattro parti, ciascuna della durata di circa una settimana, e si svolgono a fine gennaio, fine aprile, fine giugno e inizio ottobre.
Le lingue ufficiali sono l’inglese ed il francese. Nel corso delle riunioni plenarie l’italiano, il tedesco ed il russo sono utilizzate come lingue di lavoro supplementari.
 
Solo i membri regolarmente nominati dalla delegazione nazionale e che hanno firmato il registro per le presenze durante la seduta sono ammessi a votare. Normalmente l'Assemblea vota utilizzando un sistema elettronico di voto. In caso di designazioni, si procede alla votazione a scrutinio segreto. La maggioranza dei due terzi è necessaria per questioni quali un progetto di raccomandazione o di parere al Comitato dei Ministri o l'adozione della procedura d'urgenza. Per un progetto di risoluzione o decisioni di altro tipo, si richiede la maggioranza dei voti espressi.

Se l'elezione del Presidente e dei Vice Presidenti rientra tra le normali prerogative, l’Assemblea Parlamentare provvede anche alle seguenti elezioni: Segretario Generale, Vice Segretario Generale del Consiglio d’Europa e Segretario Generale dell'Assemblea (eletto a scrutinio segreto con un mandato di cinque anni); giudici della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo; Commissario per i Diritti Umani.
I membri del Comitato per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti (CPT) sono eletti dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa su una lista di tre nomi redatta dall'Ufficio di Presidenza dell'Assemblea.

L'Assemblea adotta tre tipi di testi: raccomandazioni, risoluzioni e pareri.

  • Le raccomandazioni includono quelle indirizzate al Comitato dei Ministri, la cui attuazione è di competenza dei governi.
  • Le risoluzioni riflettono le decisioni dell'Assemblea su questioni di sua competenza o l’espressione di opinioni che impegnano la sua propria responsabilità.
  • I pareri sono per lo più formulati dall'Assemblea su questioni che gli sono assegnate dal Comitato dei Ministri, come ad esempio l'adesione di nuovi membri del Consiglio d'Europa o progetti di convenzioni.

12